Come riconoscere le apnee notturne nei bambini?.

person Pubblicato da: Luxury kids list In: Neonati Data:

Come riconoscere le apnee notturne nei bambini?

In Italia ben 12 milioni di persone soffrono di disturbi del sonno cui sono spesso associate le apnee notturne: difficoltà di addormentamento, frequenti risvegli durante la notte, risvegli precoci la mattina e difficoltà nel riprendere sonno. Circa il 60% sono donne, mentre il 20% dei casi riguarda bambini e minori.

La sonnolenza diurna

Queste cifre sarebbero addirittura raddoppiate nell’anno della pandemia da Covid-19. Nella maggioranza dei casi i problemi nel riposo notturno si trasformano in un senso di malessere psico-fisico al risveglio e anche comparsa di eccessiva sonnolenza diurna (Esd), ovvero l’incapacità di rimanere svegli in maniera appropriata durante il giorno. L’Esd ovviamente peggiora la qualità della vita: negli adulti l’eccessiva sonnolenza diurna aumenta il rischio di incidenti stradali, domestici o lavorativi, mentre nei bambini ostacola l’apprendimento e la socializzazione.

Il disturbo delle apnee del sonno

L’eccessiva sonnolenza diurna è spesso associata alle apnee ostruttive del sonno, che colpiscono circa 1 miliardo di persone nel mondo. In Italia circa 7 milioni di soggetti soffrono di almeno 5 apnee notturne per ora di sonno, mentre nella popolazione di età compresa tra 30 e 69 anni sono 4 milioni quelli con più di 15 apnee per ora di sonno. In età pediatrica l’incidenza è del 5%.
Pause nella respirazione durante il sonno, dovute all’ostruzione parziale o totale delle prime vie aeree, sono la principale manifestazione delle apnee ostruttive del sonno  (Osa). Una condizione che genera particolari manifestazioni cliniche tra cui sonnolenza diurna, stanchezza, deficit dell’attenzione e della memoria, e si associa a un maggiore rischio di malattie cardiovascolari, neurologiche e metaboliche.

Quali sono i sintomi

Il sintomo principale delle apnee notturne è certamente il russamento, quasi sempre molto intenso e, a causa dell’apnea, intermittente, la sonnolenza diurna, l’insonnia soprattutto legata ai risvegli precoci e alla difficoltà di riprendere sonno, affaticamento e difficoltà di concentrazione, nicturia (la tendenza ad alzarsi di notte per l’urgenza di urinare).
Tra le cause, certamente obesità e sovrappeso, ma anche alcune di natura anatomica: per esempio, una mandibola piccola, palati molto abbondanti. Le tonsille o le adenoidi possono esserne la causa in età pediatrica.

Care mamme dopo aver letto il nostro articolo vi consigliamo di visitare il nostro sito Luxury Kids.

Commenti

Nessun commento in questo momento!

Lascia il tuo commento

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre
  • Registrare

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password